Ravello

La bellezza è di casa a Ravello, così come l'amore per l'arte e la musica.

Solo negli ultimi due secoli il suo parterre d'onore vanta nomi illustri nel campo musicale come Wagner, Grieg, Rostropovich, Toscanini, Bernstein, nel campo della pittura come Escher, Turner, Mirò e anche grandi scrittori da Lawrence a Forster fino a Virginia Wolf.

 

Non è un caso che oggi questo luogo della Costiera Amalfitana ospiti grandi rassegne culturali come il Ravello Festival e i concerti da camera organizzati dalla Ravello Concert Society.

 

Nobile di stirpe, incantatrice di genti, Ravello attende il viaggiatore che dai paesi marittimi della Costiera Amalfitana decide di rivolgersi verso l'alto e la raggiunge sul suo sperone di roccia a 350 metri sul mare.

 

Il Duomo domina la piazza del Vescovado e accoglie il viaggiatore con uno splendido portale a bassorilievi in bronzo che fu realizzato nel 1179 a Costantinopoli e poi portato per mare fino a questo borgo della Costiera Amalfitana.

 

Villa Rufolo. La torre che si affaccia su piazza del Vescovado un tempo serviva da vedetta a Villa Rufolo, uno dei gioielli d'arte che hanno reso celebre Ravello e la Costiera Amalfitana nel mondo. Wagner fu ospite qui nel 1880 mentre componeva il Parsifal e rimase talmente colpito dal fascino del luogo da scrivere "Il giardino incantato di Klingsor è stato trovato".

 

L'innamoramento per Ravello e lo straordinario paesaggio naturale della Costiera Amalfitana: tutto questo è all'origine di Villa Cimbrone, opera visionaria del lord inglese William Beckett che nel 1904 acquistò il terreno dove sorgeva un'antica villa abbandonata e la trasformò in un luogo fantastico fondendo stili ed epoche diverse, reperti archeologici e ricordi di viaggio.

 

Altri luoghi e monumenti da visitare a Ravello:

Museo del Corallo.

Chiesa di San Giovanni del Toro.

Chiesa di Santa Maria a Gradillo.

Chiesa di San Francesco.

L'Auditorium Oscar Niemeyer

 

Ravello sottolinea il proprio ruolo di luogo dedito alla cultura come ponte tra passato e futuro grazie alla presenza dell'Auditorium creato da uno dei personaggi mitici dell'architettura internazionale, Oscar Niemeyer.

Una costruzione possente e leggera allo stesso tempo, simile a un foglio bianco posato sulla collina e gonfiato dal vento, che ospita una grande sala da 400 posti dedicata a concerti ed eventi artistici in Costiera Amalfitana.

 

 

© 2013-2017 all rights reserved - Avitabile Ramona